Cefalea tensiva

La cefalea tensiva viene trattata con tecniche osteopatiche presso lo Studio di Osteopatia di Paolo Saccardi.

La cefalea tensiva interessa più della metà della popolazione, con una prevalenza del sesso femminile, e rappresenta la forma più diffusa di mal di testa.

La cefalea tensiva dipende dalla tensione muscolare del collo e delle spalle e solitamente ha un'intensità bassa.

Sintomi della cefalea tensiva

Il dolore spesso parte dalla zona occipitale o fronto temporale ma ha la tendenza a diffondersi a tutto il capo, tanto che spesso viene definito come un cerchio alla testa.

Il dolore ha un'intensità media o lieve ma ha un carattere di persistenza che può durare da mezz'ora a addirittura una settimana.

Può verificarsi in maniera sporadica o cronica, con accessi anche di 2 o 3 episodi a settimana.

Contrariamente all'emicrania, la cefalea tensiva non aumenta col movimento, anzi sembra addirittura migliorare; per questo motivo il mal di testa di tipo tensivo non ostacola lo svolgimento delle normali attività quotidiane e quindi, in questo senso, non costituisce motivo di invalidità importante.

Inoltre, contrariamente all'emicrania, il mal di testa di tipo tensivo non è mai accompagnato da sintomatologie collaterali come nausea, fotofobia o simili.

Cause della cefalea tensiva

Il meccanismo scatenante è rappresentato da tensioni muscolari, tanto che si parla di cefalea tensiva o miotensiva.

Prevalentemente sono coinvolti i muscoli dei seguenti distretti:

La tensione muscolare aumenta in caso di specifici fattori scatenanti come stress, ansia, depressione, ma anche stanchezza oculare, alterazioni del ritmo sonno veglia o eventi destabilizzanti da un punto di vista psico fisico.

Rimedi tradizionali per la cefalea tensiva

Nel caso in cui i FANS non abbiano effetti, in caso di mal di testa di tipo tensivo possono venire prescritti altri farmaci:

Accanto alla proposta farmacologica esistono anche possibilità terapeutiche complementari.

Dal momento che la cefalea tensiva dipende soprattutto da tensioni muscolo scheletriche, terapie orientate al rilassamento mio fasciale sono particolarmente indicate:

Trattamento osteopatico della cefalea tensiva

La cefalea tensiva dipende essenzialmte da tensioni muscolari e fasciali, come indica la sua stessa denominazione.

Contro questo tipo di problema l'Osteopatia dispone di moltissime soluzioni e tecniche estremamente valide ed efficaci.

Anzi si può dire che i disagi osteo mio fasciali siano proprio il campo di intervento elettivo dell'Osteopatia.

Nel caso specifico della cefalea tensiva un'attenzione particolare viene posta proprio al tratto cervicale, alle spalle e a tutta la fascia cervicale superficiale fino ai tessuti sottocutanei del cuoio capelluto.

Tuttavia il lavoro dell'Osteopata non si limita a questo.

Oltre a ciò vengono presi in considerazione anche tutti gli altri sistemi coinvolti nello scatenamento del mal di testa, vale a dire la dinamica cranio sacrale, le disfunzioni viscerali e vengono trattate in maniera più specifica alcune strutture particolari come l'articolazione temporo mandibolare, la zona ioidea, ecc.

Infine viene considerata la dinamica generale dello scheletro, in quanto una disfunzione che si esprime a livello cefalico potrebbe originare da zone anche molto distanti.

Pertanto il lavoro osteopatico si sviluppa realmente a trecentossessanta gradi, in maniera molto estesa.

Questo tipo di approccio garantisce risultati stabili a lungo termine poiché le correzioni ostepatiche, una volta effettuate, vengono mantenute e assimilate.

Nel corso del tempo pertanto la situazione tende a normalizzarsi e a riornare su standard fisiologici.

Questo fa sì che la cefalea tensiva tenda a regredire e a non più ripresentarsi.

Nella pratica il lavoro osteopatico per la cefalea tensiva, al di là di alcune particolarità tecniche proprie per questa tipologia di cefalea, è riconducibile al trattamento osteopatico per il mal di testa in generale.

Per maggiori dettagli potete andare al trattamento osteopatico del mel di testa.

Condividi questo articolo sui social